Gli Scacchi al tempo del Coronavirus.

Manuale di resistenza.

Come tutti, anche noi Giocatori del Circolo Wasken Boys in questo periodo stiamo a casa.

Leggiamo, studiamo, un po’ di ginnastica e un po’ di musica, la radio e la televisione…

Se vicino a noi qualcuno ha bisogno (la spesa, il cane ecc.), ci rendiamo utili.

Però gli scacchi ci mancano! Ci manca vedere l’Amico-Avversario, la discussione nel dopo-partita, la lezione con l’Istruttore… Non sappiamo quando potremo tornare a sederci a un metro di distanza… Dobbiamo resistere!

Qualcuno gioca per telefono (giuro!). Ma devi avere un contratto “senza limiti”…

Alcuni di noi vanno su Lichess (WWW.lichess.org) o altre piattaforme dedicate. In questo momento p.es. ci sono 82mila Giocatori collegati! Certo, non è la stessa cosa che stare con l’Amico al tavolino, ma “piutòst che gnént, l’è mei piutòst!”

Sulla piattaforma elettronica, se proponi una partita (di giorno o di notte) qualcuno risponde, magari dall’Australia. Ad ogni ora viene anche avviato qualche torneo, per lo più rapid.

Certo, occorre registrarsi sulla piattaforma (nickname, password, casella mail); poi è abbastanza intuitivo. Beh, lo è per i Ragazzi; per noi dis-informatici attempati un po’ meno. Comunque se qualcuno ha bisogno di aiuto può cercare l’amico. Al limite, mi può contattare (valetag55@vodafone.it) e farò quello che posso.

Per parte mia, non amo il gioco rapid. Ho accolto volentieri l’invito per un torneo “lento” da parte di alcuni Amici.

Poi con gli Allievi della Scuola Scacchi abbiamo avviato tre tornei: quello per gli Adulti (Corso Strategia con il CM Martino); quello per gli Amici dell’Unitre; quello per i Ragazzi.

E’ un peccato che si sia interrotta tutta l’attività nelle Scuole. Ma questo è ciò che ci impone il Covid-19.

I Bambini delle Elementari hanno una opportunità specifica: nelle classi che seguivamo, abbiamo fatto l’abbonamento alla “Casa degli Scacchi di Gatto Vittorio”. Sarebbe preferibile che avessero il supporto della Maestra o dell’Istruttore; ma molti sono in grado di andare avanti da soli e la piattaforma è “protetta”. Se qualche Genitore lo desidera, trova materiale informativo  all’indirizzo WWW.europechesspromotion.org; si può anche chiedere un abbonamento annuale individuale a sei euro.

Infine, se qualche Giocatore più esperto desidera una lezione on line, suggerisco un sito su facebook: il gruppo di Stay@Chess.

Resistere, resistere, resistere!

Torneremo a incontrarci presto. Magari con la mascherina.

V.T.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *